Parodontologia

Nello studio dentistico SocialDent di Verona viene dedicata attenzione anche al settore della parodontologia, branca che studia le varie forme di parodontopatie.
La più frequente è la “malattia parodontale cronica”, nota come piorrea che, se non trattata adeguatamente e tempestivamente, può portare alla perdita della gengiva.

La piorrea è una patologia infiammatoria provocata dai batteri della placca ed è responsabile della perdita dei denti nel 70% degli adulti.
Colpisce il parodonto, cioè le strutture che circondano il dente e lo mantengono ancorato all’osso. La mancata cura dell’infezione comporta il suo avanzamento in profondità per cui la gengiva si allontana dal dente, l’osso viene distrutto e i denti diventano mobili.

Le terapie prevedono un approccio chirurgico e uno non chirurgico.
Molteplici sono i trattamenti offerti dal dentista di Verona per la cura delle parodontopatie.

Trattamenti parodontali non chirurgici:
Tra i trattamenti parodontali non chirurgici rientrano la detartrasi, ossia la rimozione dei fattori irritanti locali e la rimozione della placca e del tartaro dai denti sopra e sotto il livello della gengiva.

Trattamenti parodontali chirurgici
In condizioni normali osso e gengiva sono a contatto diretto l’uno con l’altro, mentre in presenza della malattia parodontale si verifica la formazione di tasche, in cui i batteri si accumulano e proliferano e provocando la distruzione ossea.
Nei casi in cui la quantità di osso andata persa è notevole, il dente dovrà essere estratto attraverso la chirurgia resettiva o rigenerativa.

Chirurgia resettiva
La chirurgia resettiva prevede il ripristino della salute parodontale tramite il rimodellamento chirurgico dei tessuti gengivali e ossei. Nel trattamento il chirurgo solleva i tessuti gengivali, rimuove i batteri, leviga le superfici dentali e riduce le parti ossee rese irregolari dalla malattia. In questo modo la gengiva si riadatta all’osso una volta posizionata e suturata su di esso.

Chirurgia rigenerativa
In altre situazioni è possibile attuare una tecnica chirurgica rigenerativa per recuperare parte dell’osso e dei tessuti gengivali andati perduti, rigenerandoli e ricostruendoli. In questo caso il chirurgo solleva i tessuti gengivali e rimuove i batteri che hanno causato la malattia.